Auto Europe

  • ITALIA
  • Contatta i nostri specialisti
    Noleggio auto in tutto il mondo
    Alamo Rental Car
    Avis Car Rental
    Budget Rental Car
    Dollar Car Rental
    Europcar
    Hertz
    National Car Rental
    Sixt Rent a Car
    Noleggio auto in tutto il mondo

    Ricerca blog


    Categorie

    Ricerca blog in corso......

    La Regina Viarum

    La regina delle strade, come veniva chiamata dagli antichi Romani, è la Via Appia la strada che, voluta fortemente nel IV secolo a.C. da Appio Claudio Cieco, nasce da Roma e si conclude, dopo un percorso di 540 km., nel porto di Brindisi.Attraverso 4 regioni (Lazio, Campania, Basilicata e Puglia) rappresenta ancora oggi un viaggio in grado di regalare emozioni e far scoprire luoghi magari poco noti ma che, proprio perché un tempo raggiunti dalla maestosa (oltre 4 metri di larghezza) strada, conservano le tracce di un passato glorioso.E allora, percorrendo la statale 7 che in gran parte ricalca il percorso dell’antica Via Appia, possiamo partire dalla capitale, dal Parco Appia Antica e, attraverso Velletri e Latina, arrivare alla splendida cittadina balneare di Terracina.Da qui, passando per il borgo medievale di Itri, arriviamo in Campania e ci allontaniamo dalla costa, per attraversare le città di Caserta e di Benevento, e inerpicarci attraverso l’Appennino campano e le cosiddette Dolomiti lucane, per conoscere un mondo ancora dominato da ritmi lenti e distante anni luce dal caos della città e dalla frenesia del turismo balneare.Non perdiamo l’occasione allora per visitare Matera, e i suoi celebri “Sassi”, per poi lasciare la Basilicata ed approdare sul Mar Ionio, in Puglia: la meta è ormai vicina e, dopo Taranto, attraversiamo il “tacco” dello Stivale e arriviamo a Brindisi.Qui i Romani si imbarcavano alla volta della Grecia, quella civiltà che, come scrisse Orazio, vinta militarmente da Roma, conquistò però il suo vincitore con la sua cultura.D’altronde i Romani furono maestri inarrivabili nella costruzione delle strade proprio perché, grazie a queste, poterono creare una rete stabile di collegamenti non solo per ragioni militari, ma anche per facilitare i commerci e, conseguentemente, gli scambi culturali. Per questo, la rete viaria fu, almeno nei secoli di maggior splendore di Roma, oggetto di costanti opere di manutenzione, con la creazione di numerose “stazioni” di servizio e dettagliati regolamenti sugli obblighi dei proprietari dei fondi attraversati dalle strade consolari e sulle “norme di comportamento” nel percorrere tali strade.Per concludere, una curiosità: sebbene non sia accertato da alcuna fonte, sembra che anche per le strade romane fosse vigente un preciso senso di marcia; però, sorprendentemente, sembra che i nostri avi guidassero “all’inglese”, in modo che la spada, tenuta sul fianco destro, potesse essere prontamente impugnata in caso di “incontri spiacevoli”…..Insomma, se volete calarvi nei panni degli antichi viandanti romani e percorrere tutta la Via Appia, ricordatevi però di mantenere sempre rigorosamente la destra!!!Il team Auto Europe

    Ricerca blog


    Categorie